Sport

George Best – gli 11 giocatori più appassionati d’alcol

– George Best (1946-2005): nomen-omen. Il quinto Beatle, “Pelé good, Maradona better, George Best”, infiniti aneddoti che lo rendono degno di Oscar Wilde, amanti, macchine sportive, gol stellari, un Pallone d’Oro (e, non a caso, nel ’68). E tanto, tanto, tanto alcol. George Best è stata la prima rockstar della storia del Calcio. Bello, dannato, strafottente e, almeno per un decennio, vincente. Bandiera dei Red Devils di Manchester, anche di lui (alla pari di Garrincha) si narrano provini leggendari, con scout mancuniani che lo contrattano già in tenera età. Poi l’esordio in prima squadra, le vittorie nazionali (due Premier League, due Charity Shield, una Coppa d’Inghilterra), internazionali (la Coppa dei Campioni 1967-68, vinta ai danni del Benfica di Eusebio, proprio con un suo gol decisivo nel corso dei tempi supplementari) e individuali (il già citato Pallone d’Oro. Infine un lento declino dovuto all’abuso di alcol e alla sempre meno disponibilità al sacrificio, indispensabile per un atleta professionista (e anche per una rockstar, vedi il duo Keith Richards-Mick Jagger). Numerosi cambi di casacca alla ricerca di contratti danarosi alle periferie dell’impero calcistico, così da monetizzare per poter tirare avanti uno stile di vita dispendioso e dissoluto. Fuori dall’ordinario, come erano i suoi dribbling e i suoi gol. Subì un trapianto di fegato nel 2002, per poi andarsene nel 2005, in seguito a un’infezione epatica.

George-Best-2

Nel 2006, in occasione dei sessant’anni dalla nascita, Belfast (sua città natale) gli dedicò un aeroporto. Fu il primo (e tutt’ora unico) calciatore ad ottenere tale benemerenza. Fly high.

Andrea Gratton

Già raccontati

Lennart “Nacka” Skoglund (1929-1975)

Mané Garrincha (1933-1983)

Eduard Strel’cov (1937-1990)

Coming soon

Sócrates

Walter Casagrande Júnior

Tony Adams

Paul Gascoigne

Edmundo

Ariel Ortega

Adriano Leite Ribeiro

WIDGET 1

I video dell’Oltreuomo:

Vuoi essere stalkerizzato dall'Oltreuomo?
ISCRIVITI al nostro canale TELEGRAM @OltreuomoBlog