Lavoro

I 10 veri motivi per cui gli uomini sono spaventati dalle donne con un buon lavoro

L’importanza percepita del giudizio esterno influenza in modo imprescindibile la crescita personale. Non si agisce per se stessi, ma per il sé inserito in un determinato contesto. Voglio dire, se non fosse stato per procacciarmi qualche orgasmo innocente nei bagni del liceo durante l’occupazione della quarta superiore non avrei mai letto “Il piccolo Principe”. E invece bisognava citare quella cazzo di volpe.

Adeguati, bisogna sempre essere adeguati al personaggio che scegliamo di rappresentare.

Tutto quello che minaccia di incrinare l’idillio tra la finzione che ci siamo costruiti e il contesto in cui viviamo ci fa paura.

Per questo alcune persone ci spaventano più di altre.

Scopriamo insieme quali sono i 10 motivi per cui gli uomini sono spaventati dalle donne con un buon lavoro.

donne con un buon lavoro

#1 Sottomissione fetish.

L’uomo che ama farsi possedere desidera la donna potente, non la teme, la vuole fortissimo. Ma non potrà mai e poi mai dichiararsi altrimenti il gioco delle parti cadrebbe. Se lui è sottomesso, lei deve fare la prima mossa. Molte donne con un buon lavoro pensano di spaventare gli uomini, in realtà eccitano solo quelli che vorrebbero fosse lei a dirigere il gioco. Quelli che non si faranno avanti mai. Li trasformano nel ragazzino delle medie che fantastica eroticamente sulla prof di inglese.

 

#2 Chi l’accontenta gode.

Più il potere d’acquisto di una persona è basso, più facile è corteggiarla. Inutile negarlo. Puoi avere tutta la fantasia del mondo, essere un amante originale e frizzante ma prima o poi a cena sta poveretta la devi portare. E lì son cazzi. Il metodo di corteggiamento del maschio privo di talento è offrire alla femmina qualcosa che normalmente lei non può permettersi. L’alternativa, ossia inventarsi qualcosa, per alcuni è troppo difficile.

 

#3 No mamma no party!

Il maschio italico è mammone dentro, per questo trascorre la vita alla ricerca di una donna adatta a sostituire sua madre quando avrà lasciato il nido. Le donne con un buon lavoro sono più simili ai papà. E onestamente l’utilità del papà è piuttosto incerta agli occhi di un bambino.

 

#4 Invidia del pene.

Il maschio è biologicamente competitivo ma normalmente non reputa la donna un avversario, piuttosto un premio. È abbastanza difficile che un uomo si porti a casa una ragazza contro cui dovrà lottare per affermarsi.

 

#5 Ricette collaterali.

Puoi essere la responsabile marketing di Dior Italia ma se non sai fare i cappelletti non sei nessuno. Rien à faire, la donna che cucina eccita, quella che dirige le aziende no (eccezione fatta per il fetish del punto 1).

 

#6 Il lavoro rende frigidi.

L’uomo immagina che la donna con un buon lavoro sia eccitata più dalla prospettiva dell’aumento di stipendio che all’idea di diventare cintura nera di fellatio. Un pensiero del genere è l’anticamera della noia coniugale.

 

#7 Come te nessuno m’ama.

Prendete una bella ragazza, molto bella. Datele una brillante carriera lavorativa, molto brillante. Va a finire che le insicurezze maschili prendono il sopravvento. Un uomo ha bisogno di trovare almeno una motivazione per convincersi di essere l’uomo giusto per lei. Di fronte alla super donna è molto difficile.

 

#8 Gelosia canaglia.

Il maschio geloso non sopporta una donna con una vita che non può controllare. Quindi il maschio geloso non potrà mai tollerare una donna in carriera. Si trattasse anche di carriera monastica.

 

#9 Flashback traumatico.

Come i reduci del Vietnam, ogni uomo ha un suo dramma personale che a volte ritorna e lo fa urlare di terrore. Per molti sono le maestre delle elementari, simbolo del potere soggiogante e assoluto della donna sull’uomo. La donna con un buon lavoro spaventa l’uomo quanto la vecchia maestra severa.

 

#10 Give me your money bitch.

L’ultimo baluardo del potere decisionale maschile giace sulla differenza di reddito. Se un uomo guadagna meno della sua compagna non esiste più nulla che possa scegliere.

 

WIDGET 1

I video dell’Oltreuomo:

Vuoi essere stalkerizzato dall'Oltreuomo?
ISCRIVITI al nostro canale TELEGRAM @OltreuomoBlog