Benessere - 20 Giugno 2014

5 tecniche per pompare l’autostima.

L’autostima è quell’attitudine del pensiero che vi fa credere di essere delle persone interessanti non solo per vostra mamma. Sotto certi livelli le conseguenze possono essere molto spiacevoli, rischiate la depressione, la voglia di tatuarvi la scritta “coraggio” in ideogrammi cinesi, il desiderio di potenziare l’impianto stereo della macchina o l’impulso di iscrivervi a scienze della comunicazione. Al contrario, eccessivi livelli autostima potrebbero indurre a pettinarvi come Paletta.

Navigando in giro per la rete troverete carriole di specialisti che millantano cure miracolose per farvi credere di nuovo in voi stessi. Tutta merda. Esistono solo 5 tecniche in grado di pompare la vostra autostima e ve le svela l’Oltreuomo.

 autostima

 #1 Handicappamento.

Mai affrontare qualcosa senza prima seminare svariati impedimenti tra te e l’obiettivo finale. Alcuni ostacoli di suggerimento sono: fare le cose all’ultimo, convivere con persone rumorose che ti distraggono, presentarti ubriaco, non leggere le consegne, non prepararti o fidanzarti con una ninfomane. Se non raggiungi l’obiettivo la colpa sarà di questi impedimenti e non tua. Se lo raggiungi significa che sei un genio perché ci sei riuscito nonostante tutto.

L’esempio classico è lo studente universitario che cazzeggia per sei mesi, prepara l’esame in due giorni e sostiene che se avesse avuto più tempo avrebbe preso trenta.

#2 Inspira il bene, espira il male.

Nessun uomo è felice come quello convinto di essere la causa dei suoi successi e incolpa il destino dei suoi fallimenti. Vive sulla dicotomia “sono stato bravo – ho avuto sfiga” e mai su quella “ho avuto culo – sono stato coglione”.

L’esempio classico è il politico.

#3 Circondati di mediocri.

La mediocrità è relativa. Il mio talento nel modulare il tono delle scorregge è molto apprezzato alla “Sagra degli Osei” di Sacile ma sono sicuro che esiste qualche ciccione del centro America in grado di raggiungere ottave che io non posso nemmeno sognare. La soluzione è restare immersi nello stagno in cui siete i migliori a scorreggiare. Ovviamente la scorreggia è metafora di tutte le più alte attività umane.

L’esempio classico è il professore che va in TV a mostrare quanto è colto alle massaie di Sesto al Reghena.

#4 Punta in basso.

Una teoria americana sostiene che chiunque dedichi più di 10.000 ore a un’attività ne ha passate almeno il triplo su facebook, quindi il cultore della materia sa tutti i cazzi dei suoi amici. In generale l’esperienza ti aiuta a migliorare in quello che fai ma non devi dimenticare che certe cose sono più facili da fare di altre. Per aiutare l’autostima impegnati in qualcosa che potrebbe portare a termine anche un primate del Borneo, riuscirete sicuramente con successo.

L’esempio classico è iscriversi a scienze della comunicazione perché non c’è matematica.

#5 Trova amici accondiscendenti.

Nella vita non c’è nulla di peggio che sentirsi dire la verità. Per questo devi far tesoro di quelle persone che mentono per farti contento. Trova una fidanzata che si bagni ogni volta che le racconti del tuo progetto musicale e degli amici che ridano alle tue battute, sarai sempre stupidamente felice e pieno di te.

L’esempio classico è la ragazza carina che nonostante squittisca solo bestialità ha uno stuolo di spasimanti che applaudono il suo acume.

ATTENZIONE!!!

Non usare questo articolo fuori dal contesto di questo blog, i nostri lettori sono allenati a comprendere un linguaggio che altrove potrebbe venire frainteso

-------------

La discussione è regolata dalle seguenti Policy.

Comments

comments

OLTREUOMO
© Baobab Media S.r.l. - Loc. Pasina, 46 - Riva del Garda
P.IVA: 02388400224 - Codice fiscale: 02388400224
Capitale Sociale: € 10.000 - Numero REA: TN-220853