Tipi umani

I tipi umani di San Valentino

San ValentinoSan Valentino è la tassa sulla prima coppia. Le altre relazioni che intrattenete non fanno che alimentare il mercato nero dell’amore fatto di riunioni, viaggi di lavoro, corsi di aggiornamento, agriturismo isolati e barili di chewingum.

L’oltreuomo, figlio di Prévert e Maria de Filippi, con il romanticismo di un soffio al cuore descrive per voi come il popolo italico vive la tanto chiacchierata festività.

Quello che se ne sbatte il cazzo.

Single, fidanzato, sposato o con il compagno perso recentemente durante i saldi, questa figura, uomo o donna che sia, affronta il San Valentino con l’entusiasmo che si dovrebbe dedicare al proprio emocromo. Anche se ci sono delle stelline chissene. Essendo sinceramente disinteressato alla festività può accontentare sia il fanatismo floreale del partner sia il polemizzare di quelli che dicono San Valentino sia una scusa dei fiorai per far soldi. In entrambi i casi non gliene sbatte un cazzo.

Quello contro.

Questo personaggio è probabilmente dotato di una sensibilità fuori dal comune poiché capisce che San Valentino è tutta una montatura per indurre la gente a spendere. Così come il Natale. E la pasqua. Poi i compleanni. Anniversari, battesimi, vacanze, prodotti apple, università, Fabio Volo, saldi, fine del mondo, gruppi cover, TV satellitare e le dimissioni del papa (nell’ultimo caso è evidente la necessità clericale di cambiare icona per rinnovare le T-shirt e rilanciare il marchandising). Quello contro prende molto sul serio il suo dono e si fa carico di allertare le coscienze nell’intento di spezzare il giogo oppressivo del mercato. Lo fa utilizzando facebook o twitter ma non mancherà di scartavetrarvi i coglioni live qualora gliene diate l’occasione.

Quelli della cena.

Molte coppie decidono di investire tempo ed entusiasmo in una cena speciale. I casi sono due, cena a casa o cena fuori.

Cena a casa.

Nel caso vogliate trascorrere la serata nel calore domestico sarà l’uomo a cucinare. Il maschio, le cui mansioni in cucina normalmente non vanno oltre il ruolo di apri bottiglie o apri barattoli, si ritrova capitano dei fornelli. Come uno Schettino solo un po’ più calvo e rock segue con solerzia le istruzioni di Giallo Zafferano e bestemmia a pieni polmoni quando incontra quelle espressioni che rendono vaghe le ricette: q.b., un pizzico, un cucchiaio, un ciuffo e scalogno. Nel peggiore dei casi il risultato non sarà completamente da buttare e sarete costretti a mangiarlo. Dopo cena vi aspettano fuochi d’artificio.

Cena fuori.

Dopo le coliche dell’anno precedente la coppia rodata va al ristorante. La scelta della location è molto difficile e internet ha complicato orribilmente le cose. Vengono passati in rassegna tutti i ristoranti nel raggio di 300 chilometri e comparati per prezzo comprensivo di benzina. Alla fine la scelta ricade sull’unico ristoratore che alla vigilia di San Valentino ha ancora un tavolo libero. La coppia passerà la serata a commentare ogni pietanza con eccessivo vigore. Dopo cena invece l’argomento di conversazione diventerà il conto e un velo di imbarazzo ricadrà sulla coppia che si è letteralmente fatta inculare per mangiare una pasta con le cozze surgelate.

Quelli dei regali.

A San Valentino si regalano soprattutto fiori. La donna che riceve i fiori si illumina di gioia, abbraccia il suo compagno e felinamente gli dice che non doveva o lo elogia per la sua memoria elefantesca. Qualora non ne riceva diventa irascibile e carogna. L’uomo invece, se riceve dei fiori rimane spiazzato e prova a mangiarne i petali nel disperato tentativo di dare un significato a qualcosa di troppo irrazionale per la sua sensibilità.

Ricordate sempre che la serata di San Valentino, il giorno dopo, diventa argomento di discussione per le donne le quali istericamente ne condividono i dettagli. Viene invece obliata dagli uomini. Per questo motivo la vostra compagna vi odierà se non le darete modo di fare bella figura con le sue rivali. Nel caso in cui siate dei perfetti gentleman, saranno i fidanzati delle sue amiche a odiarvi per aver alzato gli standard.

Comunque vada buon San Valentino.

ATTENZIONE!!!

Non usare questo articolo fuori dal contesto di questo blog, i nostri lettori sono allenati a comprendere un linguaggio che altrove potrebbe venire frainteso
OLTREUOMO
© Creative Commons
Baobab Media S.r.l. - Loc. Pasina, 46 - Riva del Garda
P.IVA: 02388400224 - Codice fiscale: 02388400224
Capitale Sociale: € 10.000 - Numero REA: TN-220853