Coppie

L’unica cosa che una donna non può perdonarti quando la lasci

Ormai non ci penso più, ma ieri sera, in un annoiato venerdì sera, mi sei venuto in mente tu, tu che ormai sei andato via, senza troppi se, senza troppi ma. Quanto è difficile la vita di chi nonostante tutto non riesce mai a chiudere definitivamente con il passato e a rassegnarsi? O meglio, quanto è difficile la vita di chi da un giorno all’altro scopre di essersi illuso e di aver passato la vita con qualcuno che altro non faceva se non recitare una parte?

angry

Okay, è vero. Non siamo fatti per stare con tutti, e non sempre le relazioni vanno come vorremmo. Però tu, proprio tu, che sapevi quanto ci tenessi, perché hai deciso di andare via?

 

Non so cosa sia successo tra noi, so solo che a un certo punto qualcosa si è rotto. E io mi sono sentita come quando da bambina mi stancavo di un giocattolo e lo buttavo via urlando “Mamma, mamma. Questo non mi piace più!” o lo confinavo nella parte più remota della stanza perché ormai anche solo la vista mi dava fastidio. Sai, non so se tu mi abbia buttata via o confinata, so solo che questa volta la parte del giocattolo è toccata a me. E sai bene quanto non mi si addice.

 

Ci ho riflettuto davvero su questa storia e alla fine, dopo tanti viaggi con la mente, mi sono identificata con uno YO-YO. Te lo ricordi? Quel giocattolo che ho sempre trovato complicato, ma affascinante. Tu sei stato il bambino (o la bambina) dispettoso/a che ha deciso di far srotolare tutto il filo. Se lo hai fatto intenzionalmente posso anche capirlo, ti eri stancato e volevi passare al giocattolo successivo. Magari uno più divertente, meno complicato… Se lo hai fatto inconsapevolmente allora vuol dire che non hai mai avuto cura di nulla, a cominciare dai giocattoli. Che poi, non ti sembra assurdo questo discorso?

 

Mamma me lo diceva sempre da bambina che la cioccolata dopo cena fa male, ma non ho mai voluto ascoltarla. E lo sai anche tu che ascolto sempre e solo quello che mi fa comodo, e la storia della cioccolata dopo cena così come il fatto che tu te ne sia andato non è una cosa che mi piace.

 

Però, cavolo, potevi almeno avvisare. Potevi lasciare un post-it sul frigo l’ultima volta che sei passato da casa mia, potevi lasciare un messaggio in segreteria… o forse potevi non andartene, ma sarebbe stata una scelta troppo coraggiosa. In fondo è risaputo che è meglio sostituire che riparare quello che già si ha, o almeno provarci.

 

Eppure, nonostante tutto, non sono arrabbiata, non sono nemmeno delusa. So solo che, se tornassi indietro, col cavolo che sarei così tanto disponibile con te, col cavolo che correrei da te a qualsiasi ora del giorno e della notte, e soprattutto… col cavolo che ti farei usare il mio abbonamento a NETFLIX!

ATTENZIONE!!!

Non usare questo articolo fuori dal contesto di questo blog, i nostri lettori sono allenati a comprendere un linguaggio che altrove potrebbe venire frainteso
OLTREUOMO
© Creative Commons
Baobab Media S.r.l. - Loc. Pasina, 46 - Riva del Garda
P.IVA: 02388400224 - Codice fiscale: 02388400224
Capitale Sociale: € 10.000 - Numero REA: TN-220853