Tipi umani

Come vivere felici pur essendo dei mediocri

La mediocrità fa paura. Altrimenti non si spiega perché milioni di ritardati pensino di essere dei bravi scrittori, disegnatori, musicisti, cantanti, fotografi, cuochi, acrobati, politici, fashion scemi e via dicendo. Non è un caso che sfruttare la ripulsa verso la propria mediocrità sia stata un’idea di successo, che ha creato centinaia di posti di lavoro (più quello di Morgan).

Insomma, fa paura ammettere di essere uno dei tanti puntini appiccicati attorno alla media della gaussiana. “Ma io veramente scrivo/disegno/canto/ecc. Se guardi nel mio profilo Facebook, scopri che io ho fatto…” Stai zitto. Non hai fatto un cazzo. Cristoforo Colombo ha fatto qualcosa (e pure per sbaglio), mentre di te fra 500 anni rimarrà solo una cartella Dropbox piena di foto che pensavi fossero artistiche.

Ecco allora un post per accettare la tristezza della mediocrità. Perché se i geni in giro sono pochi non è perché Maria De Filippi non li ha ancora scoperti tutti, ma perché sono pochi per davvero. E sì, se stai leggendo questo post probabilmente non sei uno di loro.

medioman1

#1. Godi dei piaceri della mediocrità

Un genio non prova piacere, perché non c’è nulla alla sua altezza. I mediocri invece hanno un ampio ventaglio di passatempi e piccole gioie quotidiane di cui godere. Sei un maschio residente nel Comune di Luogo? Guarda la Serie A. Sei goloso? Fatti una grigliata. Sei vanitoso? Fatti un selfie. Sei arrapato? Fatti un cesso.

Il senso di infelicità del genio, che a differenza del mediocre non trova nulla che sia al suo livello, corrisponde all’appena inventato paradosso del critico teatrale, che ama il teatro e proprio per questo finisce per odiare ogni spettacolo che non sia perfetto. Quindi meglio essere il critico oppure un amatore che in assenza di un briciolo di discernimento ritiene siano tutti capolavori? Boh. Secondo me è meglio andare al cinema: si vedono più culi.

#2. Evita i partner con velleità

In quanto mediocre puoi avere tre tipi di partner. Il primo è il genio, che proprio perché pensa più degli altri mai starebbe con un altro genio (“Genia, ti va se ci guardiamo un video con gli epic fail?” “Che cazzo dici, Genio?? Siamo dei geni, non possiamo guardare quella merda!” “Ma è divertente…” “No, Genio, torna a pensare all’Olocausto!” “Che palle…c’erano i bambini che cadono dal tappeto elastico…”). Quindi, proprio perché mediocre, potresti stare con un genio. Oppure puoi metterti con un altro mediocre.

Chi devi assolutamente evitare è il mediocre con velleità. Passeresti una vita in bilico tra la sincerità (“Il tuo cortometraggio mi produce spasmi di merda all’addome”) e il paraculismo (“Bellissimo il tuo cortometraggio: ti tocca dentro”). No, meriti di meglio, meriti la mediocrità che anela solo ad altra mediocrità.

#3. Coltiva aspirazioni alla tua portata

Tesi: ogni minuto che investi nella realizzazione di un obiettivo sopra le tue possibilità è un minuto che rubi a qualcosa che invece ti sarebbe potuto riuscire. Ecco perché i mediocri che calibrano le proprie aspettative sulla propria mediocrità sono quelli che poi nella vita hanno successo e risultano un po’ meno mediocri degli altri.

Dimostrazione: i professori del tuo corso di laurea.

#4. “Nessun rimpianto, nessun rimorso”

Come dice Max Pezzali, che in meno rispetto a De Andrè ha solo i capelli. Molti mediocri soffrono perché pensano che avrebbero meritato di più, che se potessero ricominciare…se potessero ricominciare l’unica cosa che dovrebbero fare è nascere geni e non mediocri, tutto qui. Come dice Stephen Hawking: “Se io che faccio pena al cazzo ce l’ho fatta, non venirmi a raccontare che tu avresti potuto cambiare il mondo ma la vita è stata ingiusta con te…”

#5. Sii consapevole della tua mediocrità

Come vedi non è brutto essere mediocri. Cioè, lo è, ma è sempre meglio che essere stupidi. Il mediocre ha il vantaggio di avere le facoltà per capire quando fermarsi, quando smetterla di rompere le palle con le sue velleità. Ad esempio, se io invece di rubare due minuti della tua mediocre giornata avessi ridotto questo post ad uno status, sarei stato un mediocre intelligente e gentile. Invece sono solo una testa di cazzo.

Solo i migliori riescono a venire a patti col fatto di essere dei mediocri.

WIDGET 1

I video dell’Oltreuomo:

Vuoi essere stalkerizzato dall'Oltreuomo?
ISCRIVITI al nostro canale TELEGRAM @OltreuomoBlog