Coppie

Come capire (ed evitare) in tempo una relazione con una donna.

Le frequentazioni sono spesso pericolose. Questo perché non si parla chiaro sin da subito. In teoria non se ne sentirebbe neanche la necessità, ma molto spesso ci si trova di fronte a casi in cui il “soggetto A” (che per convenzione chiameremo DONNA) accusa il “soggetto B” (che per convenzione chiameremo “UOMO”) di averla spudoratamente illusa di volersi impegnare seriamente e a lungo termine, mentre invece il suo progetto era semplicemente quello di spurgare i suoi condotti spermatici al fine di risanare le sue sacche scrotali. Un problema di comunicazione?!

Non temete uomini. Mamma e papà mi hanno fatta apposta. Questo è un tutorial, un gesto di assoluta generosità e gratuito altruismo da parte della sottoscritta, per aiutarvi a riconoscere quali sono i primi segni di squilibrio che la povera folle manifesta, e qual è il limite oltre il quale non spingersi per evitare di cadere in spiacevoli malintesi (che, per citare l’Accademia Della Crusca, definiremo “rotture di coglioni”).

QUALI SONO I SEGNI CHE LA DONNA STA INTRAPRENDENDO UNA RELAZIONE SERIA?

QUANDO RESTA A DORMIRE A CASA TUA.

Terminato il rapporto, speri che dopo essersi passata un fazzolettino (o una salvietta umidificata, per i più gentleman) addosso, senza doverle lanciare nessun segnale capisca che deve lasciarti libero di stronfiare in camera tua dove peraltro puoi far risuonare le tue scoregge senza inibizione alcuna. Vi consiglio vivamente di farvi il segno della croce se poi si porta dietro lo spazzolino da denti. La non c’è via di scampo.

QUANDO SI INTENERISCE

Mentre all’inizio dava prova delle sue indubbie capacità pornografiche (il che ti faceva ipotizzare sarebbe rimasta così per tutta la durata della vostra interazione) all’improvviso, come nulla fosse, e soprattutto quando meno te lo aspetti, inizia ad addolcirsi, a copulare come in una telenovela spagnola, interrompendosi a tratti per guardarti negli occhi e sorriderti amorevolmente mentre tu, ignaro di tutto, ti chiedi cosa stia succedendo e magari anche dove hai sbagliato nella penetrazione. Quando prima ti spergiurava di tirarle i capelli e prenderla a ceffoni, adesso in totale autonomia si avvolge dei tuoi arti superiori ed emette versi di ben più bassa frequenza, fino a respirare solo tramite le narici.

QUANDO SI INTRUFOLA NEI TUOI IMPEGNI.

Mentre agli albori necessitava soltanto un sms (che con le offerte di oggi è pure gratis) per accorrere prontamente a casa tua con una dilatazione vaginale superiore ai 5 cm, adesso si concede addirittura il lusso di domandarti cosa fai durante le tue giornate, alle volte perfino con chi, sperando non solo di essere invitata ad un vero “appuntamento” (come lo chiamano loro) che ovviamente prevede un bel cetriolo economico in culo a te, ma altresì di ottenere informazioni su ulteriori tuoi rapporti personali.

QUANDO USA IL PLURALE

Laddove alle origini era ben attenta nel distinguere i pronomi personali in qualsiasi proposizione di senso logico (qualora ne fosse stata capace) formulasse, in questa fase si sente autorizzata a fare uno spropositato utilizzo di quelle tre lettere apparentemente innocue che però messe in sequenza ti infastidiscono notevolmente : “noi”. Come se foste cresciuti insieme, come se i vostri genitori passassero le vacanze nello stesso agriturismo dai tempi della vostra infanzia. Il tutto senza nessun assenso da parte tua che nel frattempo hai la schiuma alla bocca per l’attacco di nevrosi acuta che si è impossessato del tuo corpo inerme.

QUANDO SI PRESENTA IN FASE MESTRUALE

Non riesce a realizzare da se che la sua materia fisica assume ricavo solo nei 23 giorni in cui non è affetta da secrezioni sanguigne vaginali. Non ce la fa. Ti si presenta di fronte regolarmente convinta che tu abbia l’esigenza di conversare di futili argomentazioni quali epilazione laser, l’ultima fragranza di Dior, shatush e regolarità intestinale. Torna molto comodo il fucile a canne mozze in casi analoghi. Sperando di essere stata utile nel rendere più lieti i vostri coiti senza dover sentire il peso di una responsabilità che non vi siete mai presi, ne mai avrete intenzione di prendervi, vi ricordo che le donne ogni tanto sanno essere anche creature piacevoli, è solo che vanno ammaestrate.

Bianca Giannasso.

ATTENZIONE!!!

Non usare questo articolo fuori dal contesto di questo blog, i nostri lettori sono allenati a comprendere un linguaggio che altrove potrebbe venire frainteso
OLTREUOMO
© Creative Commons
Baobab Media S.r.l. - Loc. Pasina, 46 - Riva del Garda
P.IVA: 02388400224 - Codice fiscale: 02388400224
Capitale Sociale: € 10.000 - Numero REA: TN-220853