Tipi umani

20 cose che mandano al manicomio i pignoli

La tendenza al comando, alla direzione, al delegare e dirigere, porta spesso nella posizione di leader, da cui però, io ad esempio, cerco di fuggire alla svelta, per evitami gli oneri del caso. Saper gestire la frustrazione e l’aberrante fastidio che mi creano le più svariate situazioni in cui sono una mera esecutrice fa parte del mio essere adulta, skill di adattamento sviluppata e affinata nell’arco del tempo, e come un abile fantino domo il bizzarro e impetuoso stallone che è la mia parte irosa. Non di meno, ordine e disordine del dentro e del fuori si combinano nella mia zucca in una dettagliata metodologia per le cose del Mondo, e per tutti i pignoli come me, solo Lei, la pignoleria, è valida e affidabile per affrontare la vita e le sue faccende. Cosa che non si verifica pressoché mai.

Via andare con la lista delle cose che mandano ai matti i precisini e i puntuali.

pignolo

  1. La mancanza di logica nella costruzione delle frasi;
  2. Le bustine di tè e tisane diversi nella stessa scatola, alla rinfusa;
  3. I mercati;
  4. Le grucce diverse;
  5. I mezzi di trasporto pubblico, peggio ancor col mal tempo e la pioggia e le buche nella strada e gli ombrelli zuppi sui polpacci;
  6. Le librerie disordinate, non ci vuole tanto a seguire un ordine cromatico o di altezza della copertina o di numero di pagine, dentro ogni genere, in ordine alfabetico per autore, ovviamente;
  7. Le code: dal benzinaio, al Mc Donald’s, alle Poste;
  8. – “Stai facendo un casino!” – “Tu sai farlo meglio, forse?!” – “Certo!” – “E fallo tu allora!”. Ecco.
  9. Da anni mi chiedo perché mai la gente non sia capace di posizionare, in linea con i quadretti della tovaglia, il telecomando sul tavolo. Signori, almeno in casa vostra, suvvia.
  10. I saldi, minchia i saldi;
  11. La pioggia. Le scarpe lorde, le borse e le giacche lerce, gli ombrelli marci, la scomodità della tuta da palombaro che ti infilava tua nonna da piccolo;
  12. “Tu che sei preciso, mi incarteresti un paio di pacchettini regalo?” e in un amen sei più elfo di Babbo Natale tu delle commesse di Thun;
  13. Il vento, che sbatacchia le imposte, scrolla via le foglie dagli stendini e i panni dagli alberi e ti mescola le idee;
  14. I fogli svolazzanti dei quaderni ad anelli, mannaggia a loro e ai salvabuchi che hai finito in terza media;
  15. La sola vista dei carrelli della spesa degli altri clienti in coda alla cassa ti da le palpitazioni: come si possono buttare i cereali insieme alla pasta?! Vanno incastrati in fila dietro latte e yogurt, no?!
  16. La mancanza di un dispositivo di scorrimento per gli abiti come quello delle lavanderie direttamente installato nel tuo armadio di casa;
  17. Il caos del cosmo è il pensiero che ti provoca insonnia la notte e che ti risveglia dagli incubi che ti causa;
  18. A proposito, e i buchi neri?????? Cioè cazzo è là che stiamo finendo??????
  19. Le bricioline di biscotto attaccate ai biscotti, che ti finiscono tutte in pappetta sul fondo della tazza;
  20. I maschi. O sei precisa, o sei maschio.

Ilaria Rostan

WIDGET 1

I video dell’Oltreuomo:

Vuoi essere stalkerizzato dall'Oltreuomo?
ISCRIVITI al nostro canale TELEGRAM @OltreuomoBlog