Musica

15 buone ragioni per andare al concerto di Manu Chao

Quando devo uscire di casa sono scettico. Penso  sempre che potrei venire derubato da un lestofante o da un barista che mi chiede 8 euro per un spritz. Solo a volte cedo alla pressione sociale di mia mamma, “esci e fatti una vita”, e vado da qualche parte. Ovviamente prima di prendere una decisione così drastica rispetto alle mie abitudini, devo fare una lista di buone ragioni per convincermi.

A giugno andrò al concerto di Manu Chao a Trieste per questi motivi.

manu chao

Perché indossa un cappellino uguale a quello di Vasco ma senza rendersi ridicolo.

 

Perché quando canto “King of the Bongo” mi sembra di sapere l’inglese.

 

Perché fa la mista con un sacco di generi musicali.

 

Perché suonano un sacco di gruppi oltre a lui e uno decente deve esserci per forza.

 

Perché alla fine dei suoi concerti non mi sanguinano le orecchie.

 

Perché posso tirarmela con le ragazzine dicendo che io lo ascolto da prima di loro.

 

Perché se lo colori di nero e gli metti gli occhiali diventa Gus di Breaking Bad.

 

Perché Trieste è bella.

 

Perché “Me gustas tu” l’hanno tradotta in italiano i Gazosa.

 

Perché durante i mondiali di calcio avrò bisogno di relax.

 

Perché me l’ha consigliato il medico per scopo terapeutico.

 

Perché ai concerti si veste come Pappalardo all’Isola dei famosi.

 

Perché è bello.

 

Perché le figlie di Maria sono le prime a darla via.

 

Perché me l’ha ordinato mia mamma.

WIDGET 1

I video dell’Oltreuomo:

Vuoi essere stalkerizzato dall'Oltreuomo?
ISCRIVITI al nostro canale TELEGRAM @OltreuomoBlog