Moda

Metallari, hipster o ciellini: quale moda giovanile è più difficile

A un certo punto della vita tutti noi sentiamo il bisogno di ribellarci al processo di omologazione familiare introiettando i canoni estetici di un determinato gruppo di nostri coetanei. Di solito questo momento della vita coincide con l’adolescenza, là dove la spinta utopistica è fortissima e il senso del sociale guida gran parte delle nostre azioni.

Si finisce con lo scegliere una moda per poi abbandonarla una volta cresciuti, oppure no.

Ma anche se il processo è uguale per tutti, ci sono mode più facili da seguire e altre invece difficilissime che richiedono un sacco di impegno.

Ecco la classifica.

moda

16# Hipster

Per diventare hipster non serve avere nessuna qualità né fare alcuno sforzo, l’hipster non è niente! Ultimo posto scontato.

 

15# Intellettuali

 A sorpresa penultimo posto per gli intellettuali. Troppo facile entrare in questa categoria, basta commentare “eh, infatti” a qualsiasi discorso e imparare una decina di aforismi da inserire a caso nelle frasi.

 

14# I fan di Vasco

Ascolta Vasco e vai almeno una volta nella vita in pellegrinaggio a un concerto. L’unico sforzo è non mangiare fragole.

 

13# Discotecari

La vita del discotecaro sulla carta è difficilissima: tirare mattina ballando come un ossesso ritmi sincopati e flirtare nonostante i volumi da Tv in casa di riposo. Retrocessi per doping.

 

12# Emo

Avere una visione disillusa della vita oggi è di una banalità che fa male.

 

11# Hippie

Il problema maggiore degli hippie è la stipsi causata da una dieta a base di acido lisergico e gelati confezionati.

 

10# Rastafariani

La prima cosa da fare per diventare un rastafariano è andare a Pisa, chiedere cosa pensano di Lucca e poi sostituire Lucca con Babilonia. Il resto lo fa l’amore genitoriale che nega freudianamente l’associazione tra capelli rasta e canne.

 

9# Sportivi

Nessuno al mondo suda quanto uno sportivo per una velleità.

 

8# Ciellini

La domenica mattina mentre tu stai dormendo o tornado a casa il ciellino indossa la camicia per andare a messa. Stoico.

 

7# Punk

Cresta colorata, piercing e pantaloni strappati sono scomodissimi da portare. Se la divisa comprendesse la sabbia nelle mutande i punk salirebbero sul podio.

 

6# Complottisti

Un tempo questa categoria meritava la top 5 per l’abnegazione con la quale cercava conferme alle sue idee. Nell’era di internet l’idiozia è alla portata di tutti.

 

5# Rapper

Imparare a rappare è oggettivamente un casino. Però la comodità di indossare pantaloni bracaloni e maglie larghe per coprire il girovita pareggia.

 

4# Nerd

Il nerd resta fuori dal podio per un pelo di bernarda. Non patirà mai l’angoscia della relazione, quindi anche può hackerare il sito della NASA, quello del ministero dell’interno e anche quello di Brosio ma la sua vita sarà comunque più facile di quella di un eterosessuale praticante.

 

3# Normali

Terzo posto per i normali. Guadagnano il podio perché soffrono di tutti i problemi dell’umanità, non di guai specifici di una categoria. Bravi ragazzi.

 

2# Punkabbestia

Fare il punkabbestia è difficilissimo: camminare tutto il giorno con un enorme zaino da montagna in spalla, prendersi cura di numerosi cani e accoppiarsi con dei cessi allucinanti quando basterebbe lavarsi per ereditare l’azienda del papi e vivere come Dan Bilzerian. Medaglia d’argento e massimo rispetto.

 

#1 Metallari

Oro meritatissimo per il metallaro. Chi segue questa vocazione non solo deve costruirsi una cultura musicale allucinante, spesso impara anche a suonare uno strumento e soffre come il cane del punkabbestia perché i miti che vuole emulare sono dei missili sulle sei corde. Non parliamo poi del chiodo, caldissimo in estate e gelido in inverno. I metallari più di ogni categoria credono in se stessi.

WIDGET 1

I video dell’Oltreuomo:

Seguici sull' INSTAGRAM dell'Oltreuomo

Vuoi essere stalkerizzato dall'Oltreuomo?
ISCRIVITI al nostro canale TELEGRAM @OltreuomoBlog

OLTREUOMO
© Creative Commons
Baobab Media S.r.l. - Loc. Pasina, 46 - Riva del Garda
P.IVA: 02388400224 - Codice fiscale: 02388400224
Capitale Sociale: € 10.000 - Numero REA: TN-220853