Tipi umani - 10 October 2017

Le 13 problematiche con cui devono convivere le persone svampite

L’essere svampito, impacciato e fuori dal mondo nei film solitamente è sinonimo di tenerezza, nella vita reale è tutt’altro. Anni e anni di allenamento per perfezionare la tua faccia da poker, fin dalla pubertà davanti ai tuoi genitori quando giuravi di “non sono stato io!” , per poi crescere e ripresentare la stessa espressione davanti a professori, datori di lavoro e fidanzate gelose.

“Fare lo scemo per non andare alla guerra” “fare orecchio da mercante” “ma ci sei, o ci fai?” ritraggono una persona che abilmente riesce a trarsi fuori dagli impicci, in realtà tu mandi il cervello in risparmio energetico mantenendo in background solo le funzioni strettamente vitali. Può sembrare una dote innata ma in realtà ci vuole esercizio e dedizione quindi celebriamo questa rara creatura elencandone i principali comportamenti nel suo habitat naturale:

jesse-pink

#1. Tua madre che prima di uscire ti ricorda qualcosa da fare mentre tu sei al pc. Non mentire, tu le hai risposto “si, tranquilla” per poi renderti conto di non averla ascoltata.

#2. Rischiare di sbagliare la fermata della metro perché sei intento a fissare il vuoto, magari con viso espressivo quanto le statue dell’Isola di Pasqua.

#3. Cercare disperatamente una risposta a tono durante una discussione mentre nel tuo cervello rieccheggia solo l’assordante suono del vuoto pneumatico.

#4. Ricevere un complimento sulla tua intelligenza e capirlo una frazione di secondo dopo. Il giusto che serve a far cambiare idea a chi si è appena complimentato con te.

#5. Ricevere una frecciatina sulla tua prontezza di riflessi. E giustamente non capirla.

#6. Ricevere costantemente le domanda “ma mi stai ascoltando?”e continuare ad ostentare uno sguardo da pesce lesso perché sai che l’unica risposta sincera sarebbe “No”.

#7. Andare in una stanza per prende qualcosa, uscirne senza averlo fatto.

#8. Tornare a prenderla e dimenticare a cosa ti serviva.

#9. Accorgerti di un parcheggio vuoto quando ormai lo hai superato.

#10. Ricordarti una cosa importante da dire appena riagganci il telefono.

#11. Il tuoi amici sanno che il tuo “online” sui social non significa che ci sei realmente ma che hai dimenticato le chat aperte.

#12. E soprattutto sanno che mandarti un messaggio vocale di più di 10 secondi sarebbe più inutile di una forchetta nel brodo.

#13. Il problema sorge nelle relazioni sentimentali, quando lei elenca tutti i motivi per cui è arrabbiata con te ma tu quando riconnetti il cervello le chiedi cosa c’è che non va per ricevere un “Niente!” come risposta. Questo è uno dei motivi per cui non riuscirai a sopravvivere tanto a lungo da riprodurti.

ATTENZIONE!!!

Non usare questo articolo fuori dal contesto di questo blog, i nostri lettori sono allenati a comprendere un linguaggio che altrove potrebbe venire frainteso

La discussione è regolata dalle seguenti Policy.

Comments

comments

OLTREUOMO
© Baobab Media S.r.l. - Loc. Pasina, 46 - Riva del Garda
P.IVA: 02388400224 - Codice fiscale: 02388400224
Capitale Sociale: € 10.000 - Numero REA: TN-220853